Homepage
  Chi siamo
  Il sogno
  Gli obiettivi
  Il miele
  I nostri servizi
  Associarsi
  I Corsi
  Novità
  La rivista
  La Cooperativa
  Il Consorzio
  I Progetti
  Dicono di noi
  Appuntamenti
  Fotografie
  Dove siamo
  Contattaci
  Link
  Miele.so.it
  Storia
  Pubblicazioni
  Libri
  Bacheca
 
 
 Novità  
In questa sezione potete trovare le novità e comunicazioni degli ultimi due mesi che riguardano la vita dell'Associazione:


23/08 Variazioni di peso dell'alveare campione nel mese di AGOSTO 2014

Rilevazioni di Marco Moretti

01 agosto Kg 28,20 -0,10 caduta varroa dopo 24 ore : n° 495
02 agosto Kg 28,10 -0,10 caduta varroa dopo 48 ore : n° 290
03 agosto Kg 28,00 -0,10 caduta varroa dopo 72 ore : n° 110
04 agosto Kg 30,80 +2,80 ALIMENTAZIONE
06 agosto Kg 30,50 -0,30
08 agosto Kg 30,50 -0,00
09 agosto Kg 31,90 +1,40 candito proteico
11 agosto Kg 31,70 -0,20
13 agosto Kg 31,70 -0,00
15 agosto Kg 31,60 -0,10
17 agosto Kg 31,30 -0,30
19 agosto Kg 31,10 -0,20
21 agosto Kg 30,80 -0,30
23 agosto Kg 32,40 +1,60 candito proteico
25 agosto Kg 32,10 -0,30
27 agosto Kg 31,60 -0,50
22/08 Elenco delle Fattorie didattiche dalla Lombardia

Sul BURL n. 33 del 14 agosto 2014 è stato pubblicato l'elenco delle Fattorie didattiche riconosciute dalla Regione Lombardia. L'estratto del BURL è pubblicato nel nostro sito nella pagina "I Progetti" e quindi nella sezione "Informazione"
22/08 Concorso Grandi Mieli d'Italia - Premio "Giulio Piana" - 34° edizione

Si ricorda che la data ultima per la partecipazione al concorso è sabato 30 agosto!!
per ogni tipo di miele che si pone in gara bisogna:
- inviare quattro vasi da 500 g anonimi
- la scheda di partecipazione compilata
- quota di partecipazione Euro 25,00 (contributo alle spese)
All'indirizzo http://www.informamiele.it/images/stories/tre_gocce_2014_brochure.pdf
Maggiori informazioni e scheda di partecipazione
20/08 Informazione ed emergenza fame !!!

Siamo molto preoccupati dalle diverse segnalazioni che ci giungono di famiglie morte o compromesse dalla fame. Le condizioni meteorologiche instabili ed improntate a frequenti piogge non sembrano destinate, secondo le previsioni, ad un miglioramento a breve. E' un annata assolutamente anomala e che quindi può prendere in contropiede molti amici apicoltori. Stiamo quindi cercando di raggiungere in modo capillare non solo gli associati (tramite gli sms) ma anche chi non è associato sia mediante il nostro sito internet che grazie alla disponibilità e collaborazione degli amici dell'informazione locale. Si segnala in proposito che nelle pagine locali del "Il Giorno" è stata pubblicata oggi un'inchiesta della bravissima Camilla Martina dedicata proprio all'attuale situazione di emergenza dell'apicoltura e all'annata produttiva 2014.
15/08 Emergenza fame

Continuano a giungere segnali preoccupanti da molti amici per la situazione di stress che le condizioni meteorologiche stanno provocando agli alveari. E' sicuramente un'estate anomala che è al di fuori delle nostre esperienze: in agosto abbiamo registrato 11 giornate di pioggia sulle 15 trascorse (oltre 90 mm) e alla ore 9:00 di oggi la stazione metrologica di Piateda (nel fondo valle, circa 300 m. di quota) registra una temperatura dell'aria di 13° C. !!!
Negli apiari le famiglie hanno perso le barbe e diversi apicoltori, come Giuseppe Mottalini segnalano che diversi alveari sono alla fame. Giuseppe ha visitato diversi apiari della zona di Morbegno e rileva che il dato è abbastanza generalizzato.
Le previsioni meteo indicano un miglioramento dal pomeriggio e poi una situazione variabile fino a venerdì 22 quando dovrebbe giungere una nuova perturbazione consistente. E' quindi opportuno utilizzare queste pause di maltempo per verificare la consistenza delle scorte, fornire alimentazione agli alveari che ne hanno bisogno e seguire l'esempio di Marco Moretti provvedendo anche a fornire un'integrazione proteica per sostenere le covate.
14/08 Chiusura sede il 16 agosto 2014

La sede dell'APAS e sede operativa della Api Sondrio Società Cooperativa - via Carlo Besta 1 - Sondrio -rimane chiusa sabato 16 agosto.
Ci si vede il 19 agosto :-))
13/08 Varroa

Il 23 luglio avevamo riportato alcuni dati trasmessi dagli amici che avevano comunicato le cadute di Varroa. Aggiorniamo con le segnalazioni più recenti: Vittorio Giumelli (Teglio) ha abbinato Apilife Var e Apistan ha avuto in media una caduta di 100 acari con un minima di 10 individui, Spini (Val Tartano) trattamento con Apibioxal dopo blocco di covata ha rilevato una caduta media di 200 Varroe con una minima di 60 ed una max di 400, Cristian Moretti (Tresivio), con test con lo zucchero a velo, ha avuto cadute molto basse di 0 e 3 individui. Fabio Pini (Grosio), in un apiario di 13 alveari ha effettuato un trattamento con Apibioxal dopo blocco di covata con una caduta minima di 100 Varroe ed una max di 500.
12/08 Strano: …piove !!

Sono passati, ad oggi, 223 giorni dall'inizio dell'anno di cui ben 109 con pioggia!! quindi quasi la metà dei giorni di quest'anno sono stati piovosi!! in agosto la media è ulteriormente aumentata 8 giorni su 12 !! Nessuno di noi ricorda in Valtellina un tempo così piovoso, instabile ed umido. Data la situazione è importante curare le scorte delle famiglie perché le covate e le popolazioni sono ancora consistenti ed il consumo delle famiglie è quindi sostenuto.
09/08 Segnalazioni

Ci giungono dai nostri amici diverse ed importanti segnalazioni. Partiamo dai significativi dati raccolti dall'amico Marco Moretti: il saldo fra importazione e consumo della famiglia campione, in luglio, è stato fortemente negativo con un netto calo pari ad una perdita di peso di - Kg. 5. Valore ovviamente depurato dall'asportazione di due melari e dei due favi del nido. Ad Agosto la situazione globalmente non sembra migliorare di molto: la perdita è, in media, di circa 80 g al giorno. In diversi apicoltori abbiamo poi potuto constatare che le famiglie più forti e produttive avevano poche scorte nei nidi ed erano quindi a rischio dopo la levata dei melari. Il perdurare di una situazione climatica instabile, e le abbondanti piogge, hanno aggravato la situazione rispetto al nostro primo grido di allarme. L'amico Davide Zeni ci ha segnalato che in provincia di Varese ci sono stati già alcuni casi di famiglie morte per fame. Ancor più circostanziata la segnalazione dell'amico Marco Bianchi che in un apiario posto a 1.000 - 1.200 m. di quota ha trovato 6 alveari morti per fame e i rimanenti con molte operaie morte sul fondo dell'arnia. In questa situazione consigliamo:
- di effettuare una visita alle famiglie per verificare la consistenza delle scorte;
- di intervenire con nutrizioni di sciroppo se si avverte una carenza di scorte, o peggio, se si notano i primi segni di stress da fame (api morte sul fondo dell'alveare, volo ridotto all'apertura dell'alveare, api che pedonano e poco vitali);
Nelle famiglie in stress alimentare è importante assicurare una certa costanza nell'alimentazione di soccorso. Poiché lo sciroppo viene assorbito immediatamente, se non si riesce ad assicurare una regolarità di intervento pressoché quotidiana è bene poi passare all'uso del candito dopo il primo intervento che comunque deve essere fatto con sciroppo concentrato.
Se la situazione è per noi così critica, in altre parti d'Italia l'apicoltura sta rialzando almeno un po' la testa. L'amico Massimiliano Fasoli (Lodi), ad esempio, ha notato che i suoi alveari hanno ripreso ad importare con un ritmo sostenuto e riferisce che anche dall'Italia Centrale ci sono segnalazioni di una certa ripresa di importazione. Purtroppo però le previsioni meteo per noi segnalano ancora un periodo di instabilità climatica e la preparazione degli alveari all'invernamento sarà quindi un operazione impegnativa e da eseguire con attenzione e, probabilmente con un certo impegno economico.
07/08 ultimo treno

I dati che ci giungono sull'infestazione della Varroa forniscono un quadro contraddittorio, non solo disegnando una situazione a macchia di leopardo territorialmente ma, in genere, anche all'interno di uno stesso apiario si rilevano forti differenze fra gli alveari. Ormai è una costante che nel periodo a cavallo fra luglio ed agosto ci dobbiamo confrontare con un quadro così complesso. L'evidenza della gravità di infestazione si avverte con sicurezza, in genere, solo a settembre quando ormai si è doppiato il punto di non ritorno. In tale caso gli alveari sono destinati a soccombere durante l'inverno. Ne è stata minata, infatti, la capacità di rinnovare la loro popolazione e quindi viene a mancare quella forza vitale che fornisce lo slancio per superare la stagione fredda. Data l'annata produttiva pessima, alcuni apicoltori hanno prolungato il periodo di raccolto con l'intenzione di recuperare melata o qualche piccola fioritura. Una scelta rischiosa e che ha senso solo se già sono stati fatti degli "interventi di alleggerimento" precedentemente.
Chi non ha fatto il "blocco di covata" ma ha optato per gli interventi tradizionali deve tener conto che con la fine di questa settimana si chiude l'ultima finestra utile per effettuare trattamenti antivarroa. Gli interventi "tradizionali" prevedono l'uso di prodotti a base di timolo. Questo svolge un'azione acaricida ma è anche (e forse soprattutto) interessante in quanto deprime la deposizione della covata. Un'azione ritardata del trattamento antivarroa quindi non solo permette ai parassiti di raggiungere un alto livello di infestazione nel momento cruciale di rinnovo della popolazione ma soprattutto riduce il periodo a disposizione della regina per tale compito. I trattamenti con i timoli infatti devono essere ripetuti per coprire quattro settimane. Considerando che dalla fine di questi interventi le regine necessitano almeno di un'altra settimana per tornare a pieno regime vuole dire che si lascia poi all'alveare lo spazio di un solo "giro" "pieno" per produrre nuove api …. e se le condizione climatiche saranno avverse le famiglie non disporranno neppure questa possibilità. Nel periodo successivo le covate non avranno più una consistenza tale da influire nella capacità di rinnovo della popolazione
02/08 AIAAR presenta il programma del prossimo convegno

L'AIAAR si porta avanti e presenta già il programma del Convegno di autoformazione che è in calendario per il 14 e il 15 novembre 2014 a Lodi. Le giornate di studio sono organizzate grazie ad un ottimo rapporto collaborativo fra Associazione Italiana Allevatori Api Regine e il Parco Tecnologico Padano di Lodi. Abbiamo avuto l'occasione di seguire le giornate di studio del 2013, il livello degli interventi è andato ben oltre le nostre aspettative, e quindi consigliamo di considerare questo appuntamento come un dei riferimenti "imperdibili" per l'aggiornamento professionale. Nella sezione "Bacheca" il programma delle giornate.
31/07 Variazioni di peso dell'alveare campione nel mese di LUGLIO 2014

Rilevazioni di Marco Moretti

01 luglio Kg 70,80 +0,60
02 luglio Kg 70,20 -0,60
03 luglio Kg 70,70 +0,50
04 luglio Kg 71,20 +0,50
05 luglio Kg 71,40 +0,20
06 luglio Kg 72,50 +1,10
07 luglio Kg 67,20 -5,30 blocco di covata e asportazione di due favi per formazione nuclei
08 luglio Kg 66,50 -0,70
09 luglio Kg 65,20 -1,30
10 luglio Kg 65,00 -0,20
11 luglio Kg 65,00 -0,00
12 luglio Kg 65,30 +0,30
13 luglio Kg 65,40 +0,10
14 luglio Kg 65,10 -0,30
15 luglio Kg 64,60 -0,50
16 luglio Kg 64,50 -0,10
17 luglio Kg 64,30 -0,20
18 luglio Kg 63,80 -0,50
19 luglio Kg 31,60 -32,20 prelevati due melari
21 luglio Kg 31,10 -0,50
22 luglio Kg 30,40 -0,70
24 luglio Kg 29,90 -0,50
25 luglio Kg 29,60 -0,30
27 luglio Kg 29,30 -0,30
29 luglio Kg 28,80 -0,50
30 luglio Kg 28,60 -0,20
31 luglio Kg 28,30 -0,30 APIBIOXAL
29/07 Attenzione !!!

Torniamo a segnalare l'importanza di monitorare bene gli alveari dopo la levata dei melari. Le famiglie più forti possono avere poche scorte e sicuramente hanno consumi molto sostenuti. Segnaliamo che in luglio le giornate di pioggia sono state 18 e sono caduti 181,4 mm di pioggia quindi le possibilità di raccolto per le api sono state veramente scarse. I fiori inoltre risultano in condizioni non ottimali in tali situazioni. Il saldo negativo fra raccolta e consumi registrati da Marco Moretti con la pesatura di un alveare campione deve essere un monito e stimolo per tutti e soprattutto per chi ha ancora postazioni in montagna.
28/07 Barbe

Quando si forma la "barba"? Quando la stagione produttiva volge al termine si notano piccole "barbe" ovvero gruppi di api sfaccendate ed in riposo appese al predellino di volo o alle pareti esterne dell'arnia. Appena si tolgono i melari queste "barbe" diventano molto consistenti ed imponenti. Sono api che la mancanza di possibilità di raccolto ha reso "forza lavoro eccedente" e la mancanza di melari ha esonerato anche dalle attività di casa e di presidio. Sono degli esodati!! All'interno dell'arnia manca anche uno spazio fisico per loro perché troppe api farebbero innalzare pericolosamente la temperatura o potrebbero innescare processi biologici particolari e fuori stagione. L'utilizzo di timolo, od altri prodotti ad azione analoga, aumenta la portata di questo fenomeno abbastanza comune
26/07 Attenzione alla fame !!!

Continua l'andamento anomalo di questo strano 2014. In diverse zone del nostro territorio la stagione produttiva si è chiusa bruscamente e le poche fioriture attive sono poco sfruttabili per un tempo continuamente incerto o rovinate dalle piogge. Dai rilievi eseguiti da Marco Moretti con una alveare campione posto su bilancia si evidenzia che dal 8 al 26 luglio si è avuto un saldo negativo fra consumo ed importazione di quasi 5 Kg!!! Molti alveari infatti sono ancora particolarmente popolosi ed ricchi di covata e quindi con livelli di consumo molto alti. Invitiamo tutti gli amici alla massima attenzione, in particolare per le famiglie che si sono dimostrate più produttive, e di essere pronti con una nutrizione di soccorso con sciroppo.
23/07 Varroa

Ci sono giunte alcune interessanti segnalazioni sulle cadute di Varroe. L'amico Matteo Ballabio (Valsassina) ha effettuato un test con lo zucchero a velo ed ha contato poi, nel cassettino, 100 Varroe !! Roberto Bardaglio (Berbenno di V.) nel test effettuato con Apibioxal in un alveare del suo apiario ha avuto una caduta di 50 individui. Roberto Cerri (Talamona) ha effettuato il trattamento su 13 alveari la caduta media è stata di 263 Varroe per alveare, il minimo 16 e il massimo 1000. Solo in quattro alveari il conteggio dei parassiti è stato inferiore ai 100 individui.
22/07 Nuovo articolo

Nella sezione "Bacheca" è pubblicato un nuovo articolo.
Sara, collaboratrice dell'dell'Erboristeria Apistica Onetti di Cosio Valtellino, ci ha trasmesso, molto gentilmente, una nota su EM5 un prodotto eubiotico particolarmente interessante per l'apicoltura
19/07 Articolo sulle variazione di peso degli alveari

Nella sezione "Bacheca" è pubblicato un articolo di Giampaolo Palmieri sulla variazione di peso degli alveari con una analisi dell'andamento del raccolto di quest'ultimo periodo.
16/07 Nota tecnica

La dinamica di sviluppo della popolazione della Varroa nei singoli alveari e il conseguente livello di infestazione si presentano con una forte disomogeneità alle soglie dell'estate. Le famiglie più forti, quelle che hanno avuto più "giri" di covata, quelle che sono entrate prima in produzione e quelle che non hanno sciamato sono gli alveari candidati ad avere una maggiore percentuale di infestazione; in questi, a volte, il livello è così alto da portarle in poco tempo al collasso. Inoltre, i possibili saccheggi e la "deriva", durante il corso dell'estate, tenderanno a diffondere l'infestazione innalzando in modo significativo la popolazione di Varroe anche negli alveari che ne avevano sviluppata meno. Alcuni ricercatori tedeschi che hanno studiato il fenomeno, hanno calcolato che in un alveare potevano entrare fino a 100 e più Varroe al giorno. Anche durante la sperimentazione compiuta alla Fondazione Fojanini dal tecnico Ivano Fojanini, ed effettuata nell'ambito del progetto Stranova, si sono registrati analoghi risultati.
Alcuni amici ci hanno fatto pervenire i dati di cadute da loro rilevati in assenza di covata: l'ing. Nicola Barutti, ad esempio, ha conteggiato 28 varroe dopo tre giorni dal trattamento con Apibioxal (Mandello Lario). Cristina (Monza) su tre alveari in blocco di covata artificiale ha registrato rispettivamente 15, 150 e 700 (!!!) Varroe (anzi, nell'ultima comunicazione ha superato il migliaio di individui). Negli altri alveari le regine sono ingabbiate su un intero favo e per ora non è stato fatto nessun trattamento, ma la presenza di virosi è indice di una carica di parassiti piuttosto alta.
A tutti i nostri associati è stato inviato un sms nel quale si richiede l'invio dei dati raccolti dopo i trattamenti effettuati in modo da poter definire la caduta generale di Varroa. In Valtellina, come nel resto d'Italia, ci si aspetta valori di infestazione molto alti nella maggior parte degli alveari.
15/07 Concorso Grandi Mieli d'Italia - Premio "Giulio Piana" - 34° edizione

E' prossima al via l'edizione 2014 del Premio dedicato a Giulio Piana. Il Concorso di Castel San Pietro Terme è sicuramente un evento di riferimento per le manifestazioni che ne sono a corollario ma soprattutto per il prestigio che questa competizione di mieli ha saputo crearsi con un organizzazione intelligente, efficiente ed efficace. Efficace soprattutto negli obiettivi principali dell'evento: valorizzare il miele italiano e contribuire a migliorare sempre più il livello qualitativo delle produzioni nazionali. Un meritorio grazie a Lucia Piana che ne è l'animatrice e spirito guida, a Giancarlo Naldi che ne è il motore, agli Enti che sostengono la manifestazione nonché a tutto lo staff organizzativo che rende possibile questo importante evento per l'apicoltura italiana.
Si segnala che chi vuol partecipare al concorso trova il bando e il programma della manifestazione al seguente link
http://www.informamiele.it/images/stories/tre_gocce_2014_brochure.pdf
14/07 Osservazioni e temperature rilevate da Giordano Biscotti

Ciao Giampaolo,
sabato ho controllata i mie alveari: le api sono molto attive anche se il tempo non è particolarmente benevolo. Nel fondovalle ormai dovremmo essere già verso la fine dell'importazione e prevedo, se tutto va bene, di togliere i melari il 26 luglio così da poter smielare entro fine mese. Il 2 di agosto, infatti, parto con la mia famiglia e alcuni amici per il Perù in una vacanza lavoro, andremo ad aiutare un sacerdote di Lanzada nella costruzione di alcune case, e ovviamente ci concederemo anche qualche giorno per girare un po' sulle Ande, spero di trovare qualche apicoltore del posto:)
Torniamo alle mie api: ho realizzato, una settimana fa, il blocco di covata in 7 alveari. In due di questi ho confinato le regine sul favo centrale, scegliendo quello più vecchio (che verrà eliminato), le altre le ho orfanizzate e facendo allevare loro le regine che dovrebbero nascere fra qualche giorno. Il primo di agosto vorrei trattare e le api avranno tutti i prossimi mesi per potersi rafforzare e preparare per l'inverno. in caso di orfanità unirò alcuni nuclei creati appositamente per questo scopo.
le temperature erano di 33,7°C quella interna e 25,8°C quella esterna.
Per lavoro questa settimana sono passato in vetta a 2 passi svizzeri e c'era neve fresca!!!
Ciao a presto
09/07 Apicoltura in Bangladesh

L'amico Beniamino Zucca ci ha gentilmente girato una serie di documentazioni su un apicoltura molto particolare tra questa anche una piccola relazione è scritta dal Padre Missionario Luigi Paggi, originario di Sorico (CO), che da più di quaranta anni opera in Bangladesh e segue con interesse l'avvio dell'attività apistica di alcune donne della sua Missione. La pubblichiamo volentieri nella sezione "Bacheca" considerando che la "Bottega della Solidarietà" di Sondrio è in contatto con queste realtà anche grazie all'opera del sondriese e Padre Missionario Giovanni Abbiati. Alcuni di noi hanno anche avuto la possibilità, qualche anno fa, di visitare il Bangladesh e prendere contatto diretto con le realtà apistiche locali.
05/07 Apicoltura Alpina

Sta arrivando nelle case dei nostri soci il nuovo numero di Apicoltura Alpina. Un'occasione per fare il punto della situazione e per fornire alcune indicazioni sulla lotta alla Varroa 2014 in attesa dell'incontro di lunedì 7 luglio a CHIURO con Pier Antonio Belletti, Pietro Lombardo e con i tecnici dell'APAS.
La copia in .pdf del numero di luglio 2014 di Apicoltura Alpina è disponibile nella sezione "la rivista"
30/06 Variazioni di peso dell'alveare campione nel mese di GIUGNO 2014

Rilevazioni di Marco Moretti

01 giugno Kg 43,80 +0,30
03 giugno Kg 43,30 -0,50
04 giugno Kg 43,30 -0,00
06 giugno Kg 43,00 -0,30
07 giugno Kg 43,70 +0,70
08 giugno Kg 44,90 +1,20
09 giugno Kg 46,60 +1,70
10 giugno Kg 48,50 +1,90
11 giugno Kg 50,20 +1,70
12 giugno Kg 51,00 +0,80
13 giugno Kg 58,20 +7,20 aggiunto un melario
14 giugno Kg 59,30 +1,10
15 giugno Kg 58,60 -0,70
16 giugno Kg 58,30 -0,30
17 giugno Kg 58,60 +0,30
18 giugno Kg 59,40 +0,80
19 giugno Kg 60,90 +1,50
20 giugno Kg 62,40 +1,50
21 giugno Kg 64,10 +1,70
22 giugno Kg 66,40 +2,30
23 giugno Kg 67,60 +1,20
24 giugno Kg 67,30 -0,30
25 giugno Kg 68,30 +1,00
26 giugno Kg 69,60 +1,30
27 giugno Kg 70,50 +0,90
28 giugno Kg 72,20 +1,70
30 giugno Kg 70,20 -2,00
 
nereal.com . 05|14