Homepage
  Chi siamo
  Il sogno
  Gli obiettivi
  Il miele
  I nostri servizi
  Associarsi
  I Corsi
  Novità
  La rivista
  La Cooperativa
  I Progetti
  Dicono di noi
  Appuntamenti
  Fotografie
  Dove siamo
  Contattaci
  Link
  Miele.so.it
  Storia
  Pubblicazioni
  Libri
  Bacheca
 
 
 Novità  
In questa sezione potete trovare le novità e comunicazioni degli ultimi due mesi che riguardano la vita dell'Associazione:


16/10 Variazioni di peso dell'alveare campione nel mese di OTTOBRE 2021

Rilevazioni di Marco Moretti (Chiuro - loc. Fracia)

01 ottobre Kg 29,00 -0,10
06 ottobre Kg 30,00 +1,00 candito
09 ottobre Kg 29,50 -0,50
12 ottobre Kg 29,20 -0,30
15 ottobre Kg 28,90 -0,30
12/10 Nota tecnica

Scusate se ribadisco quanto già espresso ma l'invernamento è sicuramente una fase molto delicata per cui torniamo ad invitare a controllare gli alveari con visite rapide per valutare in questa fase i seguenti aspetti:
1-consistenza popolazione
2- consistenza scorte
3 - presenza di covata e se sì (eventuali segni clinici di peste americana)
4 - presenza di varroa

Scorte
Se le scorte sono considerate insufficienti potete ricorrere agli sciroppi. Fornire questa alimentazione è però pericoloso perché facilmente si innescano saccheggi. In tutti i casi, quindi, ma soprattutto nelle preparazioni casalinghe con aggiunta di miele di scarto, procedete verso sera quando i voli sono cessati e attenzione ad eventuali versamenti accidentali che devono essere prontamente puliti. Gli sciroppi hanno inoltre la controindicazione di essere stimolanti e quindi di prolungare l'attività di deposizione della regina e ritardare con ciò il blocco di covata. Nella conduzione normale, ovvero nella semplice integrazione e sostegno delle famiglie ricorrere quindi esclusivamente al candito.
Patologie
Questo è il periodo in cui si individua più facilmente la Peste americana perché le covate sono assenti o molto ridotte e quindi le celle con segni clinici rimangono isolate e meglio evidenziate. Certamente però la patologia più pericolosa è la varroa.
controlli
In questo periodo è bene tenere i vassoi sotto gli alveari ed effettuare frequenti, periodici, controlli. Tenere il vassoio altrimenti è solo un danno e, anche in inverno, è meglio non sia presente perché accumula detriti e crea più umidità.
Soprattutto se in alcuni alveari la caduta naturale di Varroa è alta è consigliabile effettuare un test di controllo su 10-20% di alveari con Apibioxal gocciolato.
Tenere sotto-controllo la covata:
- per verificare segni clinici di alta carica di Varroa o la presenza di api deformi
- per intervenire appena gli alveari si presentano in "blocco" nei casi si ravvisi una carica alta di parassiti.
Informarsi e concordare con i vicini le date dei trattamenti ed informarsi circa i protocolli da loro adottati.
05/10 Nota tecnica

Nei primo 15 giorni di settembre gli alveari nel territorio provinciale hanno generalmente guadagnato peso e quindi scorte. Un periodo favorevole anche nelle provincie limitrofe, specie dove la raccolta è stata sostenuta dalla presenza di melata. Nella bassa Valtellina e all'imbocco della Valchiavenna abbiamo notato anche delle belle fioriture di Reynoutria mentre in alcune zone site in valli laterali della Valtellina è stato segnalata anche un'eccezionale importazione di nettare di Balsamina (Impatiens glandulifera). Pianta che raramente annoveriamo di una certa importanza. Nella seconda parte del mese di settembre si è registrato un moderato e lento calo pur in presenza di alcune fioriture abbastanza interessanti ma spesso non sufficienti a sostenere il fabbisogno degli alveari, fra questa la più appariscente il Topinambur ovvero l'Helianthus tuberosus.
Questo è un momento delicato nell'ambito delle attività apistiche. Sono le ultime fasi di preparazione all'inverno degli alveari: bisogna integrare eventuali scorte negli alveari che ne sono poco provvisti, operare per ridurre il numero dei favi affinché scorte e popolazione invernale siano ridotti in spazi ristretti e facilmente gestibili e riscaldati dalle famiglie. Al bisogno è anche opportuno sostenere le ultime covate con un minimo di alimentazione stimolante.
Nelle visite attenzione ai possibili saccheggi quindi è necessario essere rapidi e non lasciare materiale sporco di miele in giro.
Il problema più grosso è la Varroa che in questo momento può re-infestare gli alveari. Il periodo di fine estata - inizio autunno sembra essere il momento in cui la Varroa si diffonde più facilmente, una diaspora di questa popolazione di acari che cerca nuove colonie e famiglie da infettare per diffondersi, replicarsi e incrociarsi. E' un momento che gli alveari sono scoperti: i trattamenti estivi hanno ridotto la popolazione di parassiti ma non c'è nulla che li protegga dalla re-infestazione se nella zona ci sono focolai ad alta carica di acari … e per quello invernale è troppo presto.
Il consiglio è di effettuare dei test di verifica su alcuni alveari, il 10-20%. Se le cadute sono molto forti è bene correre ai ripari con un trattamento tampone scelto in funzione della situazione e dei trattamenti precedenti. In caso di dubbi rivolgetevi ai tecnici dell'APAS
29/09 Variazioni di peso dell'alveare campione nel mese di SETTEMBRE 2021

Rilevazioni di Marco Moretti (Chiuro - loc. Fracia)

01 settembre Kg 28,60 +1,00 candito
03 settembre Kg 28,20 -0,40
06 settembre Kg 28,00 -0,20
08 settembre Kg 28,10 +0,10
10 settembre Kg 28,30 +0,20
12 settembre Kg 28,40 +0,10
16 settembre Kg 29,80 +1,40 candito
18 settembre Kg 29,40 -0,40
20 settembre Kg 29,20 -0,20
23 settembre Kg 29,40 +0,20
25 settembre Kg 29,40 +0,00
28 settembre Kg 29,10 -0,30
22/09 3° CONCORSO FOTOGRAFICO APAS

Buongiorno a tutti!! Vi ricordiamo che il termine ultimo per partecipare al 3° CONCORSO FOTOGRAFICO APAS è sabato 2 ottobre! Possono partecipare tutti gli associati in regola con la quota, inviando UNA SOLA FOTO al 344 3806584 via whatsapp (in chat privata!!!), o via mail all'indirizzo info@apicoltori.so.it Grazie
15/09 Nota tecnica

Andamento produttivo
Dai primi di settembre le importazioni superano i consumi delle famiglie e si ha un aumento di peso negli alveare campione che vengono da noi monitorati. Le fioritura bottinate sono in particolare quelle dell'Edera (Hedera helix), della Balsamina (Impatiens glandulifera), del Poligono del Giappone (Reynoutria japonica) ecc.
Ribadiamo quanto già espresso in precedenti note: è opportuno ora controllare le scorte a disposizione della famiglie. Se non le reputate sufficienti, integrate fornendo alle famiglie sciroppo. Se sono già sufficienti fornite candito in modo che l'importazione sia sostanzialmente utilizzata dalle api per incrementare le scorte e nel contempo per sostenere le ultime covate importanti.
Varroa
Entriamo in una fase delicata nella guerra alla Varroa. Ormai è già passato del tempo dal trattamento tampone effettuato d'estate e siamo lontani dal trattamento finale che viene fatto generalmente nella terza decade di novembre. Questo è il momento in cui è maggiore nella Varroa l'istinto a cercare nuove famiglie e da infettare o re-infettare. La re-infestazione è quindi la problematica odierna. Le strisce a base di amitraz inoltre sembra che in alcune zone incominciano a non essere più sufficienti soprattutto se non sono state utilizzate in abbinamento con i timoli.
Che fare?
E' consigliabile procedere ad un trattamento con Apibioxal su un congruo numero di alveari per avere una verifica della situazione dell'infestazione di Varroa nei vostri apiari. Se capita una giornata particolarmente umida, come poco dopo una pioggia, si potrebbe effettuare un sublimato (meno impattante sulle api), altrimenti un gocciolato.
I risultati di questo test vi permetterà di valutare la situazione e il da farsi. In caso di una forte caduta di acari contattate i tecnici APAS
07/09 Nota tecnica

In alcune zone gli alveari stanno trovando un po' di alimentazione e quindi si è interrotta quella continua perdita di peso che ha caratterizzato l'agosto. La situazione è comunque, per le api, ancora difficile e il nervosismo delle famiglie si avverte nella maggiore aggressività. E' consigliabile effettuare una visita di controllo per verificare la consistenza delle scorte. Se queste sono scarse procedere con sciroppo per permettere una valida integrazione, se considerate sufficienti sostenete la famiglia con candito per incentivare le ultime covate senza che queste intacchino le scorte presenti. Le visite agli alveari devono essere in questo periodo veloci e con tutti gli accorgimenti per evitare i saccheggi.
04/09 Nota tecnica

Facciamo un po' il punto della situazione della produzione del miele 2021. Da un punto di vista quantitativo la riduzione è stata, in genere, molto forte: in alcune zone addirittura annullata, in altre, quelle vocate alla produzione di miele di tiglio, i quantitativi sono stati nella norma, se non addirittura elevati. Ma gli aspetti quantitativi li affronteremo nel dettaglio in una prossima nota, riportando anche i dati del nostro laboratorio. Da un punto di vista qualitativo dobbiamo dire che la scena è stata dominata completamente dal Tiglio poiché è stata l'unica fioritura che realmente le api, quest'anno, sono state poste nella condizione di capitalizzare. Nelle zone dove si produce solitamente il millefiori denominato scherzosamente "Castiglio", la mancanza dell'apporto del Castagno ha permesso la produzione di monoflorali di Tiglio piuttosto puri. Anche i mieli di Alta Montagna sono a volte risultati "inquinati" da apporti di Tiglio: segno che le risorse in alta quota sono state e le api si sono dovute sobbarcare la fatica di una bottinatura in basso per rimediare a tale penuria. All'infuori del Tiglio, scarse o nulle le altre fioriture. Il Rododendro non ha dato molto e le api hanno spesso integrato con altre fioriture dei pascoli alpini per cui anche le zone vocate alla produzione di Miele monoflorale di Rododendro hanno dato mieli non perfetti, ovvero con tracce di altre essenze floreali.
I mieli 2021, globalmente, sono risultati più asciutti dell'anno precedente. Non si sono riscontrati favi con "miele - cemento", ovvero miele solidificato nei favi, problematica che negli ultimi anni ha creato non pochi problemi a diversi apicoltori. Non ci sono state in Valtellina apporti di melata.
30/08 Variazioni di peso dell'alveare campione nel mese di AGOSTO 2021

Rilevazioni di Marco Moretti (Chiuro - loc. Fracia)

01 agosto Kg 27,30 -0,30
02 agosto Kg 26,70 -0,60 Apibioxal
05 agosto Kg 26,50 -0,20
08 agosto Kg 26,40 -0,10
09 agosto Kg 26,10 -0,30
11 agosto Kg 26,10 -0,00
13 agosto Kg 25,90 -0,20
14 agosto Kg 27,00 +1,10 candito
18 agosto Kg 29,40 +2,40 sciroppo
21 agosto Kg 29,00 -0,40
24 agosto Kg 28,50 -0,50
28 agosto Kg 28,00 -0,50
30 agosto Kg 27,60 -0,40
 
nereal.com . 05|21